domenica 2 luglio 2017

STRATEGIA E TATTICA INDISPENSABILI PER LA TRI PASS E ‘NA CURSETA

Il canale Villoresi con la sua pista ciclabile alla Castano di Notte.
Il Bosco di Rugareto col suo fresco rigenerante alla Notte delle 3 Esse.
Il laghetto della pesca alle trote nella cava della Nerviano Night Run.
La splendida piscina del centro OndaVerde per la festa conclusiva dopo la Jackpot Run.
E alla Tri Pass e ‘na Curseta in programma martedì 4 luglio a San Giorgio su Legnano?


Tocca a Mario Verità, segretario dell’US Sangiorgese che da anni organizza questo evento, quarta tappa del circuito E…State Correndo fin dalla sua primissima edizione, svelarci il segreto della serata sportiva in programma martedì 4 luglio. “Direi la bellezza del nostro paese combinata alle difficoltà e alle insidie che lo stesso nasconde, mettendo così a dura prova gli atleti in gara”, inizia a raccontarci. “A differenza delle altre quattro tappe, noi purtroppo non abbiamo un elemento naturale o artificiale che ci contraddistingua; anche se io preferisco dire che noi purtroppo non abbiamo ancora un segno personale, tipico e unico che sia davvero solo nostro. Siamo una macchina organizzativa ben rodata, forte di una squadra della quale ogni singolo elemento sa perfettamente cosa fare in ogni momento prima, durante e dopo la manifestazione; in tutti questi anni – e stiamo corredo verso il nostro ventennale - è stato fondamentale il supporto costante fornitoci dall’amministrazione comunale recentemente riconfermata. Chissà che prima o poi non si riesca, insieme, a trovare questo fantomatico segno distintivo.”

A Mario e compagni non dispiacerebbe, per esempio, un bel cavalcavia artificiale per movimentare la prova sangiorgese articolata nella gara competitiva FIDAL e in quella non competitiva FIASP. “Il nostro tracciato è completamente pianeggiante”, continua il portavoce dell’organizzazione, “un percorso reso insidioso solo dalle continue curve e controcurve più o meno strette che, dopo i 900mt del rettilineo iniziale che idealmente ci lega al Campaccio (blasonata corsa campestre del circuito Permit Meeting IAAF, anch’essa organizzata dalla stessa US Sangiorgese), non prevede salite e discese. Certo, strategia, tecnica e tattica sono fondamentali per entrare in paese nelle posizioni di testa e avere quindi più possibilità di tagliare per primi il traguardo; ma anche un solo sali-scendi andrebbe ad impreziosire e rendere ancor più interessante la nostra tappa.”

Anche per quest’anno quindi, Emanuele Repetto e Silvia Radaelli, attuali leader della classifica generale del circuito E…State Correndo, possono stare relativamente tranquilli a San Giorgio su Legnano: nessuna salita, nessuna discensa, ma tanti avversari agguerriti su un percorso comunque nervoso, pronti a dar loro del filo da torcere dal primo all’ultimo chilometro.
Per l’anno prossimo, invece, chissà che non spunti un dosso artificiale o che, in via del tutto eccezionale, non si possa attraversare lo splendido parco della locale Villa Parravicini, dando così alla Tri Pass e ‘na Curseta un segno tangibile e facilmente riconoscibile di unicità.
E, si sa, i sogni son desideri…



Chiara Franzetti
estatecorrendo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento