sabato 9 luglio 2016

LA JACKPOT RUN CHIUDE E…STATE CORRENDO 2016

E’ andata. Ed è andata davvero molto bene. Osservando risultati, numeri e volti allegri e divertiti di chi c’era, correndo o semplicemente guardando la gara, anche la Jackpot Run, quinta e ultima tappa del circuito E…State Correndo, ha riscosso il meritato successo.
Ed è andata, altrettanto molto bene, l’intera manifestazione di corse su strada che ormai da cinque anni fa divertire un numero sempre crescente di runners dell’alto-milanese.

Come da tradizione, la regola prevede prima il resoconto della gara per elencarne poi i vincitori e, passando per le interviste di rito, concludere coi ringraziamenti di rito. Per una volta, sovvertiamo la consuetudine emulando così lo stile di Davide Daccò, inossidabile speaker delle cinque tappe del circuito, che ieri sera ha stravolto l’ordine di premiazione iniziando da quelle categorie che, di solito, vengono lasciate per ultime.
Partiamo quindi con quelli che normalmente sono i titoli di coda di un film: i ringraziamenti che i responsabili delle prove della manifestazione - ASD Amici dello Sport-Podistica Castanese, US Sangiorgese, TEAM 3 ESSE Rescaldina, ASD Atletica Nervianese, Onda Verde Athletic Team e Atletica Corbettese, coadiuvati da FIDAL Lombardia, hanno calorosamente rivolto a tutti i partecipanti e i volontari impegnati nel circuito. Immancabile il pensiero alle amministrazioni locali che hanno garantito la sicurezza degli iscritti alle varie prove; e quello agli sponsor – BPM e Brogioli Sport in testa, che, con contributi economici e materiali, hanno reso ogni tappa unica e indimenticabile. E come non ricordare il già citato Davide Daccò, che con la sua voce ha confortato dal primo all’ultimo atleta, dando la giusta carica nei momenti più difficili e faticosi; o i fotografi, tra i quali il premio fedeltà va senza dubbio ad Antonio Capasso, sempre presente e puntuale con il suo reportage fotografico ad ogni tappa, tallonato dagli amici di Podisti.Net. Menzione speciale all’Abbraccio Onlus, l’associazione di volontariato per il sostegno ai bambini disabili e alle loro famiglie, alla quale è stato devoluto parte del ricavato della manifestazione.
“Toccano a me resoconto e saluti finali, non solo di tappa, ma anche di evento”, commenta Giuseppe Pigniatello, ideatore della Jackpot Run. “Il trasferimento della gara da Magnago a Corbetta si è rivelato una scelta indovinata: abbiamo lasciato il cuore a Magagno, dove ormai tutti ci conoscono e sarebbe quindi stato più facile ripetere l’appuntamento sportivo. Ma OVAT e l’Atletica Corbettese sono due realtà podistiche molto conosciute, apprezzate e dinamiche. Ed era quindi un peccato non dare loro la possibilità di impegnarsi in prima persona nell’organizzazione della tappa finale. Inoltre OndaVerde è una struttura splendida che si presta particolarmente bene per la festa di chiusura: sicuramente il prossimo anno torneremo ancora qua.”
Circa un migliaio gli atleti che ieri sera si sono messi alla prova nella tappa corbettese, di cui poco meno quelli di 300 arrivati al traguardo della gara competitiva. Nonostante non siano stati migliorati i record dei 5.705mt del percorso - 16’09” di Lachen Mokraji e 18’48” di Fatna Maraoui, la gara è stata particolarmente combattuta.
Tutto al di sotto dei 22” il podio femminile che vede la vincitrice della prima e della terza tappa, Lisa Migliorini del Runner Team 99 SBV, salire ancora una volta sul gradino più alto con un tempo di 21’12”. Valeria Bizzozzero del G.A.P. Saronno conquista un brillante secondo posto (21’40”), mentre la terza piazza va a Donatella Vinci / Road Runners Club – 21’52” il suo tempo.
Al maschile, vittoria netta per il forte Fabio de Angeli dell’A.S.D. Circuito Running, unico atleta capace di scendere sotto i 18” – 17’48 il suo tempo con una media di 3:07/km. Medaglia d’argento per il giovane Marco Gattoni dell’Unione Giovane Biella, classe 1997, che aveva fatto sua la tappa inaugurale di Castano primo – 18’14” i suo crono; il bronzo va invece a Matteo Malinverno dell’Azzurra Garbagnate Milanese (18’31”), capace di piazzamenti importanti in tutte le cinque tappe.
Ed è proprio Matteo Malinverno la maglia gialla del circuito E…state Correndo edizione 2016: la sua costanza e i suoi piazzamenti (tre terzi e due quarti posti), gli hanno permesso di mantenere questo riconoscimento per tutte le cinque prove e di imporsi sul compagno di squadra Tommaso Grassi e su Lorenzo Bonincontro della Libertas Scicli – 13, 18 e 26 i punti totalizzati dai tre ragazzi al termine delle cinque prove.
Con 9 punti, un oro, due argenti e un quarto posto, tra le donne è Chiara Quartesan dei Runners Valbossa ad indossare la maglia gialla della classifica generale. Dietro di lei, con una belle prestazioni soprattutto nella seconda parte del circuito – argento a San Giorgio su Legnano e a Corbetta, Valeria Bizzozzero del G.A.P. Saronno (14 punti); gradino più basso per Erika Caccamo dell’Azzurra Garbagnate Milanese – 17 punti e maglia gialla per tre tappe.
Particolarmente emozionante la premiazione delle migliori squadre del circuito:ì, la cui speciale classifica è stata vinta dall’Azzurra Garbagnate Milanese davanti ad Onda Verde Athletic Team e alla A.S.D. Atletica Nervianese: il gruppo Camminiamo con Erika, nell’anniversario della scomparsa della loro giovane amica, ha voluto ricordarla liberando nell’aria tante splendide lanterne di luce
E’ possibile visualizzare le classifiche complete delle singole tappe e del circuito collegandosi al sito www.otc-srl.it.
Come si diceva all’inizio, è andata, ed è andata bene; ma non è ancora finita: i responsabili delle cinque tappe erano sì seduti a mangiare una pizza; ma discutevano già per l’edizione 2017 per la quale, ne siamo certi, hanno già in mente sorprese e interessanti novità.
Buona estate a tutti e … appuntamento ad E…State Correndo 2017.

Chiara Franzetti

Nessun commento:

Posta un commento